American Psychiatric annual meeting
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
EPA 2017

La depressione maggiore ricorrente e gli antidepressivi associati a bassa densità minerale ossea negli uomini


Uno studio compiuto da ricercatori dell’University of Eastern Finland ( Finlandia ) in collaborazione con la Deakin University ( Australia ) ha mostrato che il disturbo depressivo maggiore ricorrente è associato a una più bassa densità minerale ossea negli uomini.
L'uso di antidepressivi era anche associato a una minore densità minerale ossea, ma questa relazione dipendeva dal peso corporeo e del sito di misurazione dell'osso.

L'osteoporosi è un comune problema di salute, in particolare tra le donne in postmenopausa, ed è un fattore alla base delle fratture da fragilità.
Negli anziani, la suscettibilità alle fratture e le gravi fratture dell’anca possono causare ricoveri prolungati e una diminuzione dello stato di salute.
I fattori di rischio per l’osteoporosi comprendono: bassi livelli di attività fisica, fumo, basso apporto di Calcio e di Vitamina-D, alcuni farmaci e malattie.

Una più bassa densità minerale ossea è risultata correlata alla depressione. Questo potrebbe essere causato dallo stress indotto dal disturbo depressivo e da una maggiore secrezione di marcatori infiammatori.

Inoltre, gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI ) utilizzati per il trattamento della depressione hanno mostrato di indebolire le ossa.

Sebbene la maggior parte degli studi si siano concentrati sulle donne in postmenopausa, uno studio ha analizzato l'associazione di singoli e ricorrenti episodi di disturbo depressivo maggiore e l'uso di farmaci antidepressivi con la densità minerale ossea negli uomini.

Sono stati analizzati i dati del Geelong Osteoporosis Study ( GOS ), uno studio in corso in Australia.
Tra il 2006 e il 2011, 928 soggetti di sesso maschile ( età 24-98 anni ) hanno completato un questionario e sono stati sottoposti a valutazioni della densità minerale ossea all'avambraccio, colonna vertebrale, anca totale, e intero corpo.
Il disturbo depressivo maggiore è stato identificato mediante un colloquio clinico strutturato.

Il 9% della popolazione in studio aveva sperimentato un singolo episodio di depressione maggiore, e il 5% soffriva di ricorrenti episodi di depressione maggiore.
Inoltre, il 7% dei partecipanti allo studio aveva riportato l'uso di antidepressivi al momento della valutazione.

I risultati hanno mostrato che la depressione maggiore ricorrente era associata a bassa densità minerale ossea all'avambraccio ( -6.5% ) e nell’intero corpo ( -2.5% ) rispetto agli uomini senza storia di disturbo depressivo maggiore, mentre singoli episodi di depressione maggiore sono stati associati a una maggiore densità minerale ossea a livello dell'anca totale ( +3.4% ).

L'uso degli antidepressivi è risultato correlato a una riduzione della densità minerale ossea solo negli uomini a basso peso corporeo, e variava tra i siti ossei misurati.
Ad esempio, l'uso di antidepressivi era associato a una riduzione della densità ossea dell'anca negli uomini che pesano meno di 110 kg.

All’avambraccio, tuttavia, l'associazione tra uso di farmaci antidepressivi e ridotta densità minerale ossea non è stata osservata negli uomini con peso corporeo inferiore a 75 kg.

Dallo studio è emerso che la depressione maggiore ricorrente può aumentare il rischio di osteoporosi negli uomini.
Inoltre, l'uso di antidepressivi dovrebbe essere preso in considerazione come potenziale fattore di rischio di osteoporosi soprattutto negli uomini con basso peso corporeo.

Lo studio è stato pubblicato su Journal of Musculoskeletal and Neuronal Interactions. ( Xagena2015 )

Fonte: University of Eastern Finland, 2015

Endo2015 Psyche2015 Farma2015


Indietro