American Psychiatric annual meeting
EPA 2017
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
Xagena Mappa

Antagonisti del recettore N-metil-D-aspartato: Memantina e potenziamento antidepressivo


Gli antagonisti per via endovenosa di N-metil-D-aspartato ( NMDA ) hanno mostrato risultati promettenti migliorando rapidamente i sintomi della depressione, sebbene studi controllati con placebo sugli antagonisti di NMDA orali in monoterapia non abbiano rilevato la stessa efficacia.

È stato condotto uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo dell’antagonista di NMDA Memantina ( Ebixa ) come trattamento di potenziamento per i pazienti con disturbo depressivo maggiore secondo DSM-IV.

I pazienti adulti con disturbo depressivo maggiore e una risposta parziale o nessuna risposta all’antidepressivo attualmente in uso ( come indicato da un punteggio alla scala HDRS [ Hamilton Depression Rating Scale ] maggiore o uguale a 16 al basale ) sono stati randomizzati ( periodo 2006-2011 ) a Memantina aggiuntiva ( dosaggio flessibile 5-20 mg/die, con tutti i partecipanti del gruppo Memantina che hanno raggiunto la dose di 20 mg/die ) ( n=15 ) oppure placebo ( n=16 ) al trattamento attualmente in corso per 8 settimane.

È stato valutato l'esito primario, cambiamento alla scala MADRS [ Montgomery-Asberg Depression Rating Score ].
Gli esiti secondari includevano altre scale di classificazione di depressione e ansia, ideazione suicidaria e delirante, ed altri effetti avversi.

L’84% dei partecipanti ha completato lo studio, compreso il 93% dei partecipanti trattati con Memantina.

I partecipanti che hanno ricevuto Memantina non hanno mostrato un cambiamento statisticamente o clinicamente significativo nei punteggi MADRS rispetto al placebo, sia durante l'intero studio ( beta=0.133, a favore del placebo, P=0.74 ) sia al completamento dello stesso ( cambiamento nel punteggio MADRS alla settimana 8 medio: -7.13, Memantina; -7.25, placebo; P=0.97 ).

È stata osservata una dimensione dell'effetto da minima a piccola ( confrontando il cambiamento rispetto alla variabilità basale ) a favore del placebo ( d=0.19 secondo Cohen ).

Allo stesso modo, non sono state osservate sostanziali dimensioni dell’effetto a favore della Memantina, né differenze statisticamente significative tra i gruppi sugli esiti secondari di efficacia.

In conclusione, questo studio non ha rilevato differenze statistiche significative o nell’entità dell’effetto tra potenziamento con Memantina e placebo tra i non-responder o gli scarsi responder, rispetto agli antidepressivi tradizionali.
Sebbene il piccolo numero di partecipanti sia una limitazione, questo studio ha indicato che la Memantina manca di sostanziale efficacia come trattamento di potenziamento contro il disturbo depressivo maggiore. ( Xagena2013 )

Smith EG et al, J Clin Psychiatry 2013; 74: 966-973

Psyche2013 Farma2013


Indietro