Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Farmaexplorer.it

Effetto dell’integrazione di Vitamina D3 a lungo termine rispetto al placebo sul rischio di depressione o sintomi depressivi clinicamente rilevanti e sul cambiamento dei punteggi dell'umore


Bassi livelli di 25-idrossivitamina D sono stati associati a un rischio più elevato di depressione più avanti nella vita, ma gli studi su larga scala a lungo termine e ad alte dosi sono pochi.

Sono stati testati gli effetti dell’integrazione di Vitamina D3 sul rischio di depressione più avanti con l’età e sui punteggi dell'umore.
Sono stati coinvolti 8.353 uomini e donne di età pari o superiore a 50 anni nello studio accessorio VITAL-DEP ( Vitamin D and Omega-3 Trial-Depression Endpoint Prevention ) dello studio VITAL, uno studio clinico randomizzato su malattie cardiovascolari e prevenzione del cancro tra 25.871 adulti negli Stati Uniti.

C'erano 16.657 soggetti a rischio di depressione incidente ( nessuna storia di depressione ) e 1.696 a rischio di depressione ricorrente ( storia di depressione ma nessun trattamento per la depressione negli ultimi 2 anni ).
La randomizzazione è avvenuta tra il 2011 e il 2014; il trattamento randomizzato è terminato nel 2017 e questa era la data finale del follow-up.

I pazienti sono stati assegnati in modo randomizzato alla Vitamina D3 ( 2.000 UI/die di Colecalciferolo ) e olio di pesce oppure placebo; 9.181 sono stati randomizzati alla Vitamina D3 e 9.172 sono stati randomizzati a placebo corrispondente.

Gli esiti primari erano il rischio di depressione o sintomi depressivi clinicamente rilevanti ( totale di casi incidenti e ricorrenti ) e la differenza media nei punteggi dell'umore ( scala di depressione del questionario sulla salute del paziente a 8 voci PHQ-8; intervallo di punteggio, da 0 punti, sintomi minimi, a 24 punti, la maggior parte dei sintomi; la differenza minima clinicamente importante per la variazione dei punteggi era di 0.5 punti ).

Tra i 18.353 partecipanti randomizzati ( età media, 67.5 anni; 49.2% donne ), la durata mediana del trattamento è stata di 5.3 anni e il 90.5% ha completato lo studio ( 93.5% tra i pazienti vivi alla fine dello studio ).

Il rischio di depressione o sintomi depressivi clinicamente rilevanti non è risultato significativamente diverso tra il gruppo Vitamina D3 ( 609 depressione o eventi di sintomi depressivi clinicamente rilevanti; 12.9 / 1.000 anni-persona ) e il gruppo placebo ( 625 depressione o eventi di sintomi depressivi clinicamente rilevanti; 13.3 / 1.000 anni-persona ) (hazard ratio, HR=0.97; P=0.62 ); non ci sono state differenze significative tra i gruppi in termini di incidenza o recidiva della depressione.

Non sono state osservate differenze significative tra i gruppi di trattamento per il cambiamento nei punteggi dell'umore nel tempo; la variazione media del punteggio PHQ-8 non è risultata significativamente diversa da zero ( differenza media per la variazione dei punteggi dell'umore, 0.01 punti ).

Tra gli adulti di età pari o superiore a 50 anni senza sintomi depressivi clinicamente rilevanti al basale, il trattamento con Vitamina D3 rispetto al placebo non ha determinato una differenza statisticamente significativa nell'incidenza e nella recidiva della depressione o dei sintomi depressivi clinicamente rilevanti o nel cambiamento dei punteggi dell'umore su un follow-up mediano di 5.3 anni.
Questi risultati non supportano l'uso della Vitamina D3 negli adulti per prevenire la depressione. ( Xagena2020 )

Okereke OI et al, JAMA 2020; 324: 471-480

Psyche2020 Farma2020



Indietro