EPA 2017
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
American Psychiatric annual meeting
Xagena Mappa

Il trattamento della depressione migliora la qualità di vita ma non la sopravvivenza dei pazienti depressi con cancro


La depressione maggiore in comorbilità è stata associata a una peggiore sopravvivenza nei pazienti oncologici.
Tuttavia, non è chiaro se il trattamento della depressione migliori la sopravvivenza.

Negli studi SMaRT Oncology-2 ( tumori a prognosi favorevole ) e SMaRT Oncology-3 ( tumore polmonare, prognosi sfavorevole ), si è scoperto che un programma di trattamento della depressione, Depression Care for People with Cancer ( DCPC ), è risultato efficace nel ridurre la comorbilità di grave depressione.

Uno studio ha cercato di chiarire se il Programma DCPC possa avere anche un effetto sulla sopravvivenza.

Gli studi sono stati condotti in tre Centri oncologici e cliniche associate in Scozia, Regno Unito.

In SMaRT Oncology-2, i pazienti con tumori a prognosi favorevole e depressione maggiore sono stati assegnati casualmente al Programma DCPC o alle cure abituali, con stratificazione per Centro e minimizzazione per età, cancro primario e sesso, con destinazione al trattamento in cieco.

In SMaRT Oncology-3, i pazienti con tumore polmonare e depressione maggiore sono stati assegnati casualmente al programma DCPC o a terapia abituale con stratificazione per Centro e minimizzazione per età, sesso e tipo di tumore con destinazione al trattamento in cieco.

Per l’analisi, sono stati ottenuti dati a lungo termine sui decessi per tutte le cause nei partecipanti allo studio SMaRT Oncology-2 e -3, censurati a luglio 2015, e la sopravvivenza è stata analizzata come esito dello studio.

Sono stati reclutati 642 partecipanti; tra il 2008 e il 2011, 500 partecipanti sono stati reclutati nello studio SMaRT Oncology-2 e tra il 2009 e il 2011, 142 partecipanti sono stati reclutati nello studio SMaRT Oncology-3.

I partecipanti di SMaRT Oncology-2 e SMaRT Oncology-3 sono stati seguiti per una mediana, rispettivamente, di 5 anni e 1 anno.
135 su 500 partecipanti ( 27% ) a SMaRT Oncology-2 e 114 su 142 partecipanti ( 80% ) a SMaRT Oncology-3 sono deceduti in questo periodo.

Non sono stati riscontrati effetti significativi del Programma DCPC sulla sopravvivenza nel periodo di follow-up totale per SMaRT Oncology-2 ( hazard ratio, HR 1.02; P=0.93 ) o SMaRT Oncology-3 ( HR 0.82; P=0.28; HR in pool 0.92; P=0.51 ).

Il Programma di trattamento DCPC è risultato altamente efficace nel migliorare la depressione e la qualità di vita nei pazienti depressi con tumore, ma non ci sono prove di un significativo effetto sulla sopravvivenza.
Nonostante l'assenza di un effetto sulla durata di vita, la gestione della depressione rimane importante per il suo effetto benefico sulla qualità di vita. ( Xagena2018 )

Mulick A et al, Lancet Psychiatry 2018; 5: 321-326

Psyche2018 Onco2018



Indietro