WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
EPA 2017
American Psychiatric annual meeting
Xagena Mappa

Reboxetina per il trattamento acuto della depressione maggiore


Sono state condotte una revisione sistematica della letteratura e una meta-analisi per valutare benefici e rischi di Reboxetina ( Davedax, Edronax ) versus placebo o inibitori selettivi del riassorbimento della serotonina ( SSRI ) nel trattamento acuto della depressione e per misurare l’impatto di potenziali bias di pubblicazione negli studi sulla Reboxetina.

Sono stati inclusi nell’analisi studi in doppio cieco, randomizzati e controllati sul trattamento acuto ( 6 o più settimane ) con Reboxetina versus placebo o SSRI in adulti con depressione maggiore.

Le principali misure di esito erano i tassi di remissione e di risposta ( esiti di beneficio ) e i tassi di pazienti con almeno un evento avverso e con interruzione del trattamento legato a eventi avversi ( esiti di danno ).

Sono stati analizzati 13 studi sul trattamento acuto, placebo-controllati, SSRI-controllati o entrambi, che hanno incluso 4.098 pazienti ( i dati sul 74% di questi pazienti non erano stati pubblicati ).

Nel confronto Reboxetina versus placebo, non sono state osservate differenze significative nei tassi di remissione ( odds ratio, OR=1.17; P=0.216 ).

Nella meta-analisi di 8 studi che hanno valutato i tassi di risposta per Reboxetina versus placebo è stata osservata una sostanziale eterogeneità.

Un’analisi di sensibilità che ha escluso un piccolo studio di pazienti ospedalieri non ha mostrato differenze significative nei tassi di risposta tra pazienti trattati con Reboxetina e quelli trattati con placebo ( OR=1.24; P=0.071 ).

Reboxetina è risultata inferiore ai farmaci SSRI ( Fluoxetina [ Prozac ], Paroxetina [ Seroxat ] e Citalopram [ Elopram ] ) riguardo ai tassi di remissione ( OR=0.80; P=0.015 ) e i tassi di remissione ( OR=0.80; P=0.01 ).

Reboxetina è risultata inferiore al placebo per entrambi gli esiti di danno ( eventi avversi e interruzione a causa di effetti indesiderati ) ( entrambi P inferiori a 0.001 ) e a Fluoxetina per l’abbandono del trattamento legato agli eventi avversi ( OR=1.79; P=0.031 ).

I dati pubblicati hanno sovrastimato il beneficio di Reboxetina versus placebo fino al 115% e di Reboxetina versus SSRI fino al 23% e hanno inoltre sottostimato i danni.

In conclusione, Reboxetina è in generale un antidepressivo inefficace e potenzialmente dannoso. ( Xagena2010 )

Eyding D et al, BMJ 2010; 341: c4737


Psyche2010 Farma2010


Indietro